Archivi tag: umore

Umore, migliora con la Dieta Vegetariana?

Sembra che la dieta vegetariana possa influire anche sull’umore.

Frutta e verdura, dunque, non solo sono un toccasana per il nostro organismo, ma sarebbero in grado anche di scacciare via la tristezza e migliorare l’umore. A suggerirlo, uno studio americano pubblicato sul “Nutrition Journal”, che ha coinvolto 39 volontari, che consumavano carne o pesce almeno 1 volta al giorno, poi suddivisi in modo causale in 3 gruppi.

I partecipanti del primo gruppo, durante un arco di tempo di 2 settimane, hanno continuato a seguire la propria dieta abituale, gli appartenenti al secondo gruppo hanno mangiato, oltre agli altri alimenti soliti, soltanto del pesce, e non la carne, per 3 o 4 volte a settimana. Infine, quelli del terzo gruppo hanno consumato solo alimenti di origine vegetale.

Durante il periodo di studio, i volontari hanno compilato un questionario in cui riportavano la variazioni d’umore. Al tempo stesso si tenevano sotto osservazione i livelli di assunzione di acidi grassi essenziali come EPA e DHA, che fanno parte degli omega-3 e che sono forniti da alimenti come il pesce, e i livelli di acidi a lunga catena tipo l’acido arachidonico (AA) che fa parte, invece, degli omega-6.

E’ risaputo, infatti, che gli acidi grassi Omega 3 influenzano in modo positivo l’umore. Dai dati raccolti, è emerso che nei soggetti che seguivano la dieta vegetariana i livelli di acidi grassi a catena lunga erano scesi, ma in misura trascurabile. Al contrario, nei soggetti che assumevano il pesce, e non la carne, si è mostrato un incremento di EPA/DHA. Infine, negli appartenenti al gruppo che mangiava sia pesce che carne, non si sono rilevate differenze nell’assunzione degli acidi grassi.

Come hanno spiegato le autrici dello studio:

Per quel che ne sappiamo, questo è il primo studio a esaminare l’impatto di una dieta restrittiva di pesce e pollame sullo stato d’animo delle persone onnivore, e dimostra che un elevato consumo di AA promuove cambiamenti nel cervello che possono disturbare l’umore. (fonte www.medicinalive.com)

Sole, alleato della Salute, della Pelle e dell’Umore

Dopo la neve, la pioggia, il freddo e il grigiore del “colpo di coda” di questo inverno, il più gelido degli ultimi anni, le temperature sembrano aver preso nuova “vita”, imboccando una “strada” tutta nuova, al rialzo. Le giornate cominciano ad allungarsi, il cielo è più terso e i raggi del sole“baciano” la pelle: è proprio lui, il sole, demonizzato e additato troppo spesso, che, se sfruttato nel modo giusto, può garantire il pieno di benefici all’organismo.

Si chiama, molto banalmente, elioterapia, cioè la fototerapia più classica, quella che si basa sulla esposizione ai raggi solari.
I bagni di sole, con le giuste precauzioni, come la crema con fattore protettivo adatto al proprio tipo di pelle, sono un vero toccasana per la salute.  Il sole infatti, è un valido alleato per combattere germi e microrganismi, grazie alle proprietà antisettiche, antimicrobiche e antibatteriche dei suoi raggi.  I suoi raggi, dosati con cura, svolgono sulla pelle un’azione anti-seborroica, utile per contrastare la produzione e l’accumulo di liquidi e materia in eccesso. Attenzione, però, se il sole aiuta le pelli normali, può peggiorare la situazione in presenza di situazioni particolari, come l’acne. Come fiori e piante, anche gli esseri umani si nutrono dei raggi del sole. La luce solare favorisce la crescita: gli ultravioletti stimolano efficacemente la produzione di vitamina D, responsabile di fissare il calcio nelle ossa.

Alleata delle ossa e dello scheletro, la luce solare è anche un vero alleato contro gli stati depressivi. Secondo numerosi studio, l’effetto antidepressivo dei raggi solari sarebbe legato alla loro capacità di stimolare la produzione di serotonina cerebrale, un neuromediatore dotato di un’azione antidepressiva a livello centrale. (fonte www.tantasalute.it)

La dieta del Sorriso, cibi che migliorano l’Umore

Una forchettata di felicità istantanea, da addentare all’occorrenza, quando siamo giù di morale e abbiamo voglia di fare il pieno di buonumore senza troppi sforzi. Con la dieta del sorriso è possibile. Un regime alimentare che includa i cibi che rilassano, calmano e rilasciano sostanze positive nel nostro organismo.

Almenti ricchi di vitamina B  proteggono la guaina mielinica del cervello e prevengono l‘invecchiamento cerebrale.

Le bietole sono la scelta migliore perché sono ricche di magnesio che aumenta i livelli di energia e agisce come antidepressivo. Sì anche agli asparagi, fonte naturale di triptofano, che serve come base per la creazione di serotonina, l’ormone del buonumore.

Infine, via libera a tutti i tipi di pomodori e pomodorini, ricchi di licopene, una sostanza che contrasta l’infiammazione, principale fattore di depressione. Come dolce scegliamo il puro cioccolato fondente, una scossa di energia per il cervello ed un toccasana per l’umore. (fonte www.benessereblog.it)

Per una Dieta Antistress bisogna consumare Vitamina B

Una dieta antistress dovrebbe essere ricca di cibi contenenti vitamina B. Lo sostengono i ricercatori australiani della Swinburne University of Technology che hanno condotto una ricerca per verificare come contrastare l’ansia e i nervosismi seguendo l’alimentazione giusta. Devo dire che si tratta di un argomento molto interessante, perché siamo tutti in balia di uno stile di vita un po’ nevrotico e il nostro corpo si sta usurando dalla tensione quotidiana, soprattutto quelle che si accumulano sul lavoro.

Lo studio è durato circa tre mesi e ha coinvolto coinvolti 60 partecipanti cui sono stati somministrati quotidianamente dosi della vitamina o un placebo. È stato evidente che coloro che avevano preso la vitamina hanno registrato livelli di stress inferiori a chi invece ha avuto il placebo.
 
Come si può integrare la vitamina B con la dieta? Bisogna consumare carne, fagioli e cereali integrali, ma anche nella pappa reale, nell’alga spirulina, nelle uova (il tuorlo), in alcune verdure fresche e nelle patate. Non dimenticatevi la frutta secca, i legumi in generale e il riso nero.
 
Con Stough, primo autore dello studio, ha commentato: “I partecipanti hanno sperimentato quasi un 20% di miglioramento, mentre i membri del gruppo del placebo non hanno mostrato alcun cambiamento significativo. La B è fondamentale per la sintesi dei neurotrasmettitori alla base del benessere psicologico”. (fonte dieta.pourfemme.it)

A Dieta per l’Autunno senza troppi Sacrifici

Esiste una dieta ideale per l’autunno? Come si fa a perdere i chili accumulati durante l’estate? È possibile mettersi a dieta in autunno senza che questo incida negativamente sull’umore?

Il ritorno all’attività lavorativa, il clima che cambia, le giornate che si accorciano … sono tutti fattori che, di per sé, non aiutano di certo l’umore. Mettersi a dieta per l’autunno, poi, non è mai facile e quindi limitarsi nell’alimentazione proprio in questa stagione potrebbe non essere un’idea vincente. Ma come si fa se la rilassatezza dell’estate e delle vacanze ha portato qualche chilo di troppo?

Tenersi l’eccesso di peso non è certo un bene, soprattutto per questioni di salute, ma non è necessario fare rinunce drastiche; è infatti possibile dimagrire mangiando. Ma come? Ecco qualche dritta affinché la dieta per l’autunno abbia successo.

Il ritorno all’attività lavorativa, il clima che cambia, le giornate che si accorciano … sono tutti fattori che, di per sé, non aiutano di certo l’umore. Mettersi a dieta per l’autunno, poi, non è mai facile e quindi limitarsi nell’alimentazione proprio in questa stagione potrebbe non essere un’idea vincente. Ma come si fa se la rilassatezza dell’estate e delle vacanze ha portato qualche chilo di troppo?

Tenersi l’eccesso di peso non è certo un bene, soprattutto per questioni di salute, ma non è necessario fare rinunce drastiche; è infatti possibile dimagrire mangiando. Ma come? Ecco qualche dritta affinché la dieta per l’autunno abbia successo.  

Esercizio fisico e dieta per l’autunno

Non esiste dieta che funzioni senza che questa sia associata all’incremento dell’attività fisica. Non rinunciate allo sport in autunno, anzi, ricordate che l’autunno è il momento migliore per iscriversi in palestra; i corsi, infatti, cominciano quasi tutti in questo periodo dell’anno. Prima di partire in quarta per poi pentirsi di essersi iscritti è bene però scegliere un centro sportivo vicino a casa propria o all’ufficio e accertarsi che gli orari siano flessibili e adatti alle proprie esigenze: la comodità aiuta la motivazione e dunque il raggiungimento dell’obiettivo. È inoltre utile che la palestra possieda un’attrezzatura varia e, idealmente, offra un’ampia scelta di corsi; in questo modo è possibile personalizzare l’allenamento ma anche evitare che subentri la noia.

Se avete del tempo, andate personalemente a visitarla, magari dopo una prima occhiata in rete, nel caso in cui la struttura sia presente on line. Fatevi un’idea sugli istruttori, cercate di capire se si respira un’atmosfera sana.

Pensiero positivo. Perché mettersi a dieta in autunno?

Ecco tre pensieri che aumentano la motivazione quando si sceglie una dieta per l’autunno:

  1. Mettersi a dieta significa prendersi cura della propria salute. Se seguo una dieta adeguata mi sentirò meglio e sarà più semplice riprendere il ritmo questo autunno.
  2. Mettersi a dieta non significa rinunciare a tutto ciò che c’è di buono. Si può dimagrire anche mangiando e non si deve dimagrire in fretta. Se mi metto a dieta in autunno e perdo lentamente i chili di troppo arriverò alla prossima estate più in forma che mai.
  3. Mettersi a dieta significa prendersi cura del proprio corpo. Se perdo i chili di troppo mi sentirò più attraente; un taglio di capelli diverso e un abito nuovo faranno il resto.

 Gli alimenti da inserire nella dieta per l’autunno

Anche nel caso della dieta per l’autunno, quando si parla di dieta per dimagrire, il fai da te non è mai una buona idea. Prima di intraprendere un percorso alimentare restrittivo è dunque buona norma rivolgersi a un dietologo o a un nutrizionista. Detto questo, comunque, bisogna imparare a mangiare in maniera corretta e una dieta per l’autunno non può prescindere dal consumo di frutta e verdure di stagione: broccoli, cavoli, carciofi, zucche, verze, spinaci, mele, kiwi italiani, melograni eccetera non dovranno mai mancare sulle nostre tavole.

Le verdure, ovviamente, andranno cotte in maniera semplice, preferibilmente al vapore, senza l’aggiunta di condimenti grassi, ad accezione di un cucchiaino di olio d’oliva.

La frutta, anche quella molto zuccherina, va bene, purché sia di stagione (uva, loti …) e purché non si esageri con le quantità. (fonte www.cure-naturali.it/)