Archivi tag: polifenoli

Vino Rosso e Noci per la Memoria e un Cervello sempre Giovane

nociSecondo i risultati di uno studio spagnolo consumare olio, noci, un bicchiere di vino rosso e caffé ridurrebbe il rischio di malattie cognitive e dell’Alzheimer, migliorando l’attività della memoria e le capacità cerebrali.
La dieta meditarranea ancora una volta dimostra di essere la più indicata per i suoi benefici in termini di salute. Non dovrebbe stupirci infatti che nei paesi in cui vengono consumati alimenti tipici di questa dieta ci sia un tasso di obesità più basso e la popolazione sia più longeva.

Una dieta a base di olio, noci, un bicchiere di vino rosso e un caffè aiuterebbe quindi la nostra memoria a mantenersi in allenamento e allo stesso tempo il nostro cervello resterebbe sempre giovane e in forma. Le noci in effetti, diversamente da quanto si possa pensare,  sono un frutto secco completo e salutare. Oltre ad essere ricco di acidi grassi Omega-3 e Omega-6 che combattono il colesterolo cattivo, questo alimento contiene molte vitamine, tra le quali la vitamina B1, B2, B6 ed E,  importanti nella lotta contro l’invecchiamento e le malattie cardiovascolari.

vino rossoIl vino rosso invece è ricco di polifenoli, tra cui il resveratrolo, che ha molte proprietà benefiche tra cui la prevenzione del cancro, la protezione del cuore e del cervello fino alla riduzione delle patologie collegate all’età, agli stati infiammatori, al diabete e all’obesità. Naturalmente occorre sempre non esagerare, quindi è necessaria una consumazione da bassa a moderata. Quindi gli antiossidanti e soprattutto i polifenoli contenuti in olio, vino, caffè e noci, non devono mancare nella nostra dieta, proprio perchè sono gli molto preziosi per mantenere il cervello sano molto a lungo.

Lo studio PREDIMED (PREvencion con DIeta MEDiterranea), condotto da ricercatori dell’università di Barcellona su 450 uomini e donne fra i 55 e gli 80 anni, tutti ad alto rischio cardiovascolare, è stato pubblicato sul Journal Alzheimer Deseases.

(Fonte www.mondobenessereblog.com)

I Popcorn miniera di Antiossidanti, ne hanno piu’ di frutta e verdura. Ma i Grassi dove li mettiamo?

I popcorn conterrebbero più polifenoli, sostanze dal prezioso potere antiossidante, rispetto a frutta e verdura. Queste, almeno, le conclusioni di uno studio condotto da un team americano e presentato al 243mo Meeting dell’American Chemical Society (Acs), a San Diego.

Joe Vinson della Scranton University in Pennsylvania, pioniere nell’analisi dei componenti salutari presenti in cioccolato, noci e altri alimenti, ha spiegato – dopo aver condotto test accurati e confronti – che i polifenoli sono più concentrati nei popcorn, rispetto a quanto accade nelle verdure e nella frutta, dove sono più diluiti in acqua.

Inoltre nella parte ‘dura’ del popcorn, quella che tende a incastrarsi nei denti, c’è la più alta concentrazione di polifenoli e fibre in assoluto.

Sarà anche così, ma di sicuro la tabella nutrizionale per 100 grammi di popcorn cotti con olio (vedi qui sotto) lascia pochi dubbi su cosa sia preferibile tra una bomba ipercalorica come questa oppure frutta e verdura:

(fonte www.freshplaza.it)

Rimanere Snelli con il Cioccolato

Chi mangia spesso il cioccolato è più magro di chi ne mangia poco. A dimostrarlo è una ricerca americana.

Golosi di tutto il mondo gioite! I lcioccolato fondente è amico della linea, più spesso si mangia e più si resta snelli.

Avete letto bene. Questa sorprendente notizia arriva da uno studio condotto presso la University of California di San Diego.

I ricercatori hanno svolto delle indagini su circa 1000 soggetti, consumatori più o meno abituali di cioccolato. Sono stati valutati numerose varianti: età, peso, esercizio fisico, corporatura e soprattutto frequenza con cui veniva consumato il cioccolato fondente.

Infatti non è stato tracciato un legame con la quantità di cioccolato mangiato, ma quanto spesso questo veniva ingerito. Misurando l’indice di massa corporea (-BMI-rapporto tra peso e altezza moltiplicata per se stessa) dei partecipanti è emerso che un BMI basso era associato con un consumo maggiore di cioccolato.

Più spesso si mangia cioccolato  più il BMI è basso, insomma. La ricercatriceBeatrice Golomb, a capo dello studio, ha commentato i risultati sottolineando che “non è solo la quantità di calorie, ma la loro composizione, che ha un impatto finale sul peso”.

In più non va dimenticato che il cioccolato fondente è ricco di antiossidanti ed aiuta a tenere sotto controllo la pressione, il colesterolo, protegge la salute dei vasi sanguigni e riduce il rischio di ictus. Attenti però al tipo ci cioccolato e alle marche. (www.tuttasalute.net)

Ricerca: i Polifenoli della Fragola difendono dalle lesioni Gastriche

I radicali liberi sono coinvolti nell’eziologia di disturbi gastrointestinali quali l’ulcera gastrica, il cancro del colon retto e diverse malattie infiammatorie intestinali.

Grazie al loro alto contenuto di nutrienti essenziali e sostanze fitochimiche benefiche, le fragole possono avere una rilevante attività biologica sulla salute umana.

Per verificare se le fragole possono influire anche sulle attività degli enzimi antiossidanti nella mucosa gastrica, uno studio condotto da diversi istituti e dipartimenti dell’Università Politecnica delle Marche, dell’Università di Belgrado (Serbia) e delle università spagnole di Salamanca e Granada, coordinata dal prof. Battino, ha esaminato, in un modello sperimentale in vivo, gli effetti antiossidanti e protettivi di tre estratti di fragola.

Gli estratti grezzi di fragole, ottenuti dalle cultivar Adria, Sveva e Alba, sono stati somministrati per dieci giorni in razioni da 40 mg al giorno per kg di peso corporeo a diversi gruppi di ratti da laboratorio.

I risultati hanno confermato che gli estratti di fragole sono ricchi di antociani e presentano un’importante capacità antiossidante e che il consumo di fragole ha protetto contro i gravi danni gastrici dell’etanolo (utilizzato come modello sperimentale di danno gastrico).

L’attività degli enzimi antiossidanti è infatti aumentata in modo significativo dopo l’assunzione dell’estratto di fragole ed è stata trovata una corrispondente diminuzione della perossidazione lipidica gastrica oltre a una correlazione significativa tra il contenuto totale di antociani e l’indice percentuale di inibizione di ulcera.

In conclusione, gli estratti di fragola hanno impedito i danni esogeni indotti dall’etanolo alla mucosa gastrica dei ratti. Questi effetti sembrano essere associati all’attività antiossidante e al contenuto fenolico degli estratti così come alla capacità di promuovere l’azione di enzimi antiossidanti. Una dieta ricca di fragole potrebbe quindi esercitare un effetto benefico nella prevenzione delle malattie gastriche.

Lo studio è stato pubblicato su PlosOne dove si può leggere interamente in lingua inglese.
(fonte www.freshplaza.it)

Alimenti ricchi di Polifenoli

Gli antiossidanti sono amici preziosi del nostro benessere perché agiscono sulla salute delle cellule, abbassano il rischio di numerose patologie, prevengono dall’invecchiamento cellulare. Tra i più potenti antiossidanti si annoverano senza dubbio i polifenoli, ottimi alleati nella prevenzione dei problemi cardiovascolari. Vediamo quali sono i cibi che contengono polifenoli in buone quantità e che conviene portare a tavola quotidianamente. In generale assumiamo quotidianamente una quantità di polifenoli compresa tra 50 e 800 mg. ma superando questa quota si elevano anche le proprietà positive degli antiossidanti sul nostro organismo, perché agiscono sui radicali liberi, neutralizzandoli. Tra i cibi più ricchi di polifenoli spiccano anzitutto due bevande, il vino rosso e il tè. Seguono i legumi, che contengono flavonoidi, e poi frutta e verdura di colore rosso o viola, che hanno quercetina, canferolo, esperidina. Tra questi sono da segnalare in particolare uva, fragole, frutti di bosco, melograno ma anche melanzane, pomodori, cipolle, peperoni e peperoncino, aglio. Tra i cereali ne contengono di più quelli integrali, il grano saraceno in particolare, e poi la frutta secca e i semi, che vantano la presenza di lignina e lignano. Ma non possiamo dimenticare cioccolato, cacao, birra, olio d’oliva. Sono ricchi di tannini, resveratrolo, gallocatechina. (fonte www.benessereblog.it)