Archivi tag: fragole

Le Proprieta’ Antiossidanti naturali delle Prugne

Anche le prugne possono essere annoverate tra gli alimenti più ricchi di antiossidanti naturali che, come sappiamo, aiutano nella lotta ai radicali liberi e all’invecchiamento precoce, non solo della pelle, ma di tutto l’organismo.

Le prugne sono proprio tra i frutti più antiossidanti (contengono ben 6.259 Orac, l’unità di misura degli antiossidanti, per 100 grammi di prodotto), seconde solo ai mirtilli (che contengono 6.552 Orac per 100 grammi). A seguire, le fragole, con 3.577 Orac, poi i fichi con 3.200 Orac per 100 grammi di prodotto.

Più in basso troviamo le pesche e le albicocche, che si attestano più o meno sui 1000 Orac per 100 grammi. (fonte www.freshplaza.it)

Annunci

Ricerca: i Polifenoli della Fragola difendono dalle lesioni Gastriche

I radicali liberi sono coinvolti nell’eziologia di disturbi gastrointestinali quali l’ulcera gastrica, il cancro del colon retto e diverse malattie infiammatorie intestinali.

Grazie al loro alto contenuto di nutrienti essenziali e sostanze fitochimiche benefiche, le fragole possono avere una rilevante attività biologica sulla salute umana.

Per verificare se le fragole possono influire anche sulle attività degli enzimi antiossidanti nella mucosa gastrica, uno studio condotto da diversi istituti e dipartimenti dell’Università Politecnica delle Marche, dell’Università di Belgrado (Serbia) e delle università spagnole di Salamanca e Granada, coordinata dal prof. Battino, ha esaminato, in un modello sperimentale in vivo, gli effetti antiossidanti e protettivi di tre estratti di fragola.

Gli estratti grezzi di fragole, ottenuti dalle cultivar Adria, Sveva e Alba, sono stati somministrati per dieci giorni in razioni da 40 mg al giorno per kg di peso corporeo a diversi gruppi di ratti da laboratorio.

I risultati hanno confermato che gli estratti di fragole sono ricchi di antociani e presentano un’importante capacità antiossidante e che il consumo di fragole ha protetto contro i gravi danni gastrici dell’etanolo (utilizzato come modello sperimentale di danno gastrico).

L’attività degli enzimi antiossidanti è infatti aumentata in modo significativo dopo l’assunzione dell’estratto di fragole ed è stata trovata una corrispondente diminuzione della perossidazione lipidica gastrica oltre a una correlazione significativa tra il contenuto totale di antociani e l’indice percentuale di inibizione di ulcera.

In conclusione, gli estratti di fragola hanno impedito i danni esogeni indotti dall’etanolo alla mucosa gastrica dei ratti. Questi effetti sembrano essere associati all’attività antiossidante e al contenuto fenolico degli estratti così come alla capacità di promuovere l’azione di enzimi antiossidanti. Una dieta ricca di fragole potrebbe quindi esercitare un effetto benefico nella prevenzione delle malattie gastriche.

Lo studio è stato pubblicato su PlosOne dove si può leggere interamente in lingua inglese.
(fonte www.freshplaza.it)

Fragole, Elisir di lunga Vita

Buone, afrodisiache e, a quanto pare, anche molto sane, almeno per chi non è allergico. Sono le fragole, frutto rosso per eccellenza che oltre ad fresco, idratante e poco calorico – è un toccasana per la nostra salute grazie al suo alto contenuto di antiossidanti e  flavonoidi, che aiutano a prevenire malattie gravi, come cancro, diabete e patologie coronariche e malattie dell’invecchiamento.

Secondo un esperimento effettuato su 12 volontari sani da un team di ricercatori delle Università Politecnica delle Marche e di Granada (Spagna), se si mangia mezzo kg di fragole al giorno (che corrispondono a due coppe da macedonia abbondanti) si riesce a combattere l’azione dei radicali liberi e si mantiene l’organismo in salute e giovane.

Abbiamo dimostrato che alcune varietà di fragole eritrociti – ha detto Maurizio Battino, autore dello studio – rendono più resistenti allo stress ossidativo. Questo fatto potrebbe essere di grande importanza se si tiene conto che il fenomeno può portare a gravi malattie“.

Insomma, per una volta un cibo buono e apprezzato da tutti è anche sano! Via libera quindi a macedonie, gelati a base di fragola, marmellate e composte, topping e salse a base di fragole, meglio ancora se coltivate nel nostro giardino. (fonte greenme.it)

Tutti i benefici delle Fragole

Buone sono buone, ma fanno anche molto bene alla salute! Sono le fragole, frutto delizioso, bello da vedere, amato da grandi e piccini, perfetto da consumare così com’è o come ingrediente di dolci, gelati, confetture, macedonie e… chi più ne ha, più ne metta. Mangiare tante fragole, allergie individuali a parte, è un vero toccasana, perché questa frutta contiene tanti antiossidanti e flavonoidi che aiutano a prevenire malattie importanti dell’invecchiamento come diabete, cancro, patologie coronariche.

Uno studio condotto su 12 volontari sani da un team di ricercatori delle Università Politecnica delle Marche e di Granada (Spagna), ha scoperto che mangiando mezzo kg di fragole al giorno si combatte efficacemente l’azione dei radicali liberi e si mantiene l’organismo sano, giovane e in forma. Benefici non da poco.
 
“Abbiamo dimostrato che alcune varietà di fragole eritrociti – ha spiegato il dott. Maurizio Battino, autore dello studio – rendono più resistenti allo stress ossidativo. Questo fatto potrebbe essere di grande importanza se si tiene conto che il fenomeno può portare a gravi malattie“. Una buona, generosa e golosa porzione di fragole nell’alimentazione di ogni giorno, quindi, leva il medico di torno! (fonte salute.pourfemme.it)

Alimentazione: le fragole per controllare grassi e zuccheri

Nella nostra alimentazione vanno incluse anche le fragole, che svolgono una funzione utile per controllare i grassi e gli zuccheri assunti attraverso i cibi. Le fragole quindi svolgerebbero un ruolo di primo piano nel riuscire a contrastare l’azione del glucosio e dei lipidi, che vengono introdotti nell’organismo attraverso i pasti abbondanti di grassi e carboidrati.

Da questo punto di vista il consumo di frutta si rivela essenziale. Una recente ricerca scientifica ha scoperto che anche l’ananas aiuta a eliminare i grassi. Spesso capita che alla fine di un pasto ci sentiamo sazi e rinunciamo a mangiare la frutta. Si tratta di un’azione sbagliata, che non mira affatto al nostro benessere. Infatti i risultati di un’interessante ricerca pubblicati sul “Journal of the American College of Nutrition” hanno messo in evidenza che la frutta assunta dopo i pasti svolge un ruolo di primo piano nel contrastare l’azione dei grassi e degli zuccheri, che a lungo andare può provocare problemi di salute come il diabete, l’obesità e le malattie cardiovascolari.
 
In tema di alimentazione sono noti i benefici della frutta di stagione. In particolare sarebbero i frutti rossi a svolgere un’azione benefica nel controllare gli effetti negativi dei pasti ricchi di grassi. Il tutto grazie al fatto che questo tipo di frutta contiene molte molecole, come i polifenoli, in grado di svolgere un’azione antinfiammatoria e antiossidante. Le molecole in questione riescono a regolare la risposta ai radicali liberi, agendo direttamente su diversi tipi di recettori cellulari e di enzimi. Da ricordare anche in questo senso che la buccia della frutta fa bene.
 
Il segreto è saper scegliere la frutta di stagione, avendo cura di mangiare frutti di colore diverso, in modo da non far mancare all’organismo tutti i composti di cui ha bisogno. (fonte www.tantasalute.it)