Archivi tag: ceci

Proteine Vegetali? La fonte principale sono i Legumi

La biologa nutrizionista Roberta Bartocci, ha spiegato che fra i vari prodotti dell’orto quelli che contengono la maggiore quantità di proteine sono i legumi, come i ceci, le lenticchie, i fagioli, i lupini e la soia.

legumi proteine vegetali
Scendendo più nel dettaglio, 200 grammi di legumi cotti contengono, in media, 14 grammi di proteine, 30 grammi di carboidrati e pochissimi grassi. Alcune specie, però, sono ancora più ricche di proteine. La soia e i lupini, ad esempio, ne contengono una quantità pari circa al doppio della media.

C’è, poi, da sottolineare un altro punto: arricchire la propria dieta di legumi non equivale necessariamente a renderla monotona. Oltre a mangiarli “al naturale” è possibile preparare minestroni, passati, vellutate e zuppe, polpette e addirittura hamburger. Esistono, poi, piatti tipici regionali preparati proprio con i legumi, come la farinata di ceci caratteristica della Liguria e della Toscana, o il purè di fave – ottimo in abbinamento con la cicoria ripassata – più diffuso nelle regioni del Sud.

Bartocci consiglia di abituare l’intestino a digerire bene i legumi mangiandone piccole quantità e ricordando che tanto meno tempo si lascia passare dalla loro cottura prima di consumarli, tanto più sono digeribili. Se, poi, vengono ammollati in acqua prima della preparazione il risultato è ancora migliore.

Da non dimenticare, poi, che il mercato offre diversi prodotti, ottenuti soprattutto dalla soia, che permettono di assumere proteine di origine vegetale: tofu (una sorta di formaggio di soia) e tempeh (un panetto di fagioli di soia) ne sono un esempio.

(Fonte www.benessereblog.it)

Dimagrire Velocemente con Legumi e Cereali

Fibre, carboidrati e proteine verdi, un mix che attiva il metabolismo, regolarizza l’intestino e fa dimagrire. Praticamente questo è il riassunto dei benefici di legumi e cereali. Le proteine, anche quelle vegetali, hanno un effetto notevole sul dispendio calorico, perchè l’organismo è costretto a utilizzare un’elevata quantità di energia per assorbirle e metabolizzarle. Vale adire: su 100 kcal fornite dalle proteine, solo 70-75 vanno a pesare sul bilancio energetico; le altre 25-30 vengono immediatamente bruciate dal nostro corpo (è un po’ come non le mangiassimo).

Diverso è il discorso per le calorie contenute negli zuccheri e nei grassi, che incidono quasi interamente (92-94 per cento i primi e 96 per cento i secondi) sul nostro bilancio calorico. Ovvero: tutte quelle che ingeriamo, vengono immagazzinate.

dimagrire con legumi e cerealiÈ ormai accertato che il consumo di legumi non solo aiuta a dimagrire favorendo la perdita di peso ma, soprattutto, aiuta a smaltire i chili accumulati sull’addome, favorendo una significativa riduzione della circonferenza del grasso ostinato, come quello che pesa sui fianchi e vita. Già conosciuti come alimenti anti diabete e anti colesterolo, i legumi sono anche ricchi di fibre e sono sazianti e rassodanti grazie alle proteine e ai minerali che stimolano il metabolismo.

Per questio fagioli, ceci, lenticchie, piselli, ecc, costituiscono una salutare alternativa alla carne e aiutano a tenere sotto controllo il peso corporeo e le patologie che spesso sono correlate al sovrappeso, come diabete e disturbi cardiovascolari.

I piatti della tradizione, come riso e lenticchie, sono adatti per il metabolismo, perchè forniscono all’organismo tutti gli aminoacidi essenziali per nutrire i muscoli che fanno bruciare di più. Piselli, fagioli, lenticchie, lenticchie rosse, ceci, ma anche fagiolini rossi di soia, cannellini ecc. Sono tutti adatti per chi vuole dimagrire. E, grazie alle loro fibre, ti fanno assorbire meno grassi e zuccheri.

Variare a tavola ti aiuta a perdere peso facilmente
Da un punto di vista immunologico un giorno in cui variare quello che si mangia durante il resto della settimana permette di ridurre lo stato infiammatorio dovuto alle intolleranze alimentari, spesso causa di rallentamento del metabolismo.

Proprio per questo prevedere nella settimana un giorno di astinenza dai grandi gruppi alimentari che si consumano con maggiore frequenza è il modo migliore per mantenere un metabolismo attivo.

(Fonte www.mondobenessereblog.com)

Gli Alimenti più ricchi di acido Folico

È nota come acido folico oppure vitamina B9 e appartiene al vasto e ricco gruppo delle vitamine B, essendo anche una delle più importanti perché partecipa addirittura alla sintesi del DNA, è indispensabile per la formazione di proteine e altri organismi cellulari, protegge il cuore, è cruciale nella formazione del feto – ragion per cui è sempre caldamente consigliata alle donne in gravidanza– e infine influisce sul sistema nervoso.

Al contrario quando manca possono ricorrere anemia, stanchezza, inappetenza, nausea, diarrea o tachicardia, sbalzi d’umore e altri sintomi che ne rivelano la carenza. È particolarmente importante per le donne incinte, gli anziani, chi soffre di colite o fuma e beve alcol o ancora chi soffre di artrite o prende sonniferi. È però utile per tutti e scopriamo dunque quali sono gli alimenti più ricchi di acido folico.

Si trova soprattutto nel fegato ma anche nei legumi, specialmente lenticchie, ceci, soia, arachidi, fagioli, fave e piselli. Ne sono però ricchi anche i cereali integrali come riso, avena, mais e germe di grano. Si trova anche nelle verdure a foglia verde scuro come spinaci e bietole, broccoli e cavolfiore, indivia, lattuga, asparagi. Nella frutta si trova soprattutto nel melone, nell’avocado, nella banana e nell’arancia.

Quando l’alimentazione non è in grado di coprire il fabbisogno giornaliero può essere utile integrarne le quantità, spesso combinando l’assunzione di acido folico con la vitamina B12, poiché il primo spesso influisce sulla quantità della seconda. Tenete conto anche che molti metodi di cottura prolungati o i cibi precotti possono ridurre fino al 70% il contenuto di acido folico degli alimento. L’ideale è consumarli, potendo, a crudo o cucinati al vapore, preferibilmente sul momento. (fonte http://www.benessereblog.it/)

Proprietà nutrizionali dei ceci

I ceci, tra i legumi, sono quelli che offrono caratteristiche nutrizionali molto interessanti.

Sono ricchissimi di fibre, calcio, potassio, ferro, magnesio, vitamine del gruppo B e C ma anche poche calorie e pochi grassi. In più sono una buona fonte di carboidrati.

Peccato che la preparazione e la cottura siano tanto lunghe: bisogna tenerli in acqua per 24 ore prima di cucinarli e poi lasciarli a bollire per molto tempo. Ma i tempi si accorciano se si usa una pentola a pressione. (fonte www.benessereblog.it)