Archivi tag: benessere

Benessere: l’Alimentazione a Colori

Il colore ci aiuta ad apportare nella nostra dieta tutti i principi nutritivi di cui il nostro organismo necessita. Lasciamo per una volta che sia l’occhio e non il gusto a guidarci nella scelta di cosa mettere in tavola, ne guadagneremo in fantasia e in salute!

Verde
Il cavolo è ricco di carotenoidi e flavonoidi, due potenti antiossidanti che proteggono le cellule dai radicali liberi. Il cavolo contiene le vitamine A, B1, B2, B6, C, D, E, PP e K, che aiutano a rafforzare anche le nostre ossa. Secondo la tradizione, per le sue proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti e depurative, il suo succo centrifugato, bevuto regolarmente, può curare astenia, acne, ascessi, artrosi e artriti, cistiti, emorroidi, e anche le infiammazioni delle vie aeree come faringiti, tonsilliti, laringiti, tracheiti, bronchiti e polmoniti.

Rosso
Il melograno è ricco di antiossidanti e flavonoidi, che proteggono cuore e arterie e arrivano addirittura a combattere le cellule tumorali. E’ un frutto ricco di potassio (250 mg/100g di prodotto), fosforo (22 mg/100 g di frutto), ferro, magnesio, sodio e di vitamine (A, B, C, E e K), il melograno, con il suo altissimo contenuto di acqu,a ha un apporto calorico di sole 68 Kcal per 100 g.

Arancione
La zucca possiede un alto contenuto di vitamina B6 ed è essenziale per il corretto funzionamento sia del sistema nervoso che di quello immunitario. La polpa della zucca è poco calorica, contiene molta acqua e pochi zuccheri. Ricca di fibre, di vitamina A, C e di betacarotene, contiene inoltre minerali come il potassio, il fosforo e il calcio.

Viola
La melanzana presenta un grande contenuto di potassio, poco calcio e fosforo. Contiene un alto contenuto in fibra alimentare, ideale contro la stipsi. Il valore nutritivo delle melanzane non è elevato: contengono infatti poche calorie e hanno un basso contenuto di grassi.

Giallo
La patata è un toccasana per l’apparato digestivo e intestinale. Ricca di vitamine C e quelle del gruppo B, possiede anche una buona quantità di oligoelementi e sali minerali. Le patate sono inoltre delle ottime disintossicanti e combattono la ritenzione idrica.
(fonte www.freshplaza.it)

Benefici della Papaya

Quali sono i benefici della  papaya?  Questo frutto esotico è considerato come un vero toccasana per il benessere. La papaya, scientificamente definita Carica Papaya, è un frutto che è considerato un alimento dalle straordinarie proprietà benefiche per l’organismo; cerchiamo dunque quali sono le sue principali caratteristiche nutrizionali.

La papaya è un frutto che esteriormente è molto simile al classico melone, e che è originario di diversi paesi tropicali del Centro America; dal punto di vista nutrizionale, tuttavia, le caratteristiche di questo alimento sono ben differenti dal cocomero che siamo abituati a gustare in estate.

Non è affatto un caso, d’altronde, se moltissime aziende di settore hanno realizzato degli integratori di papaya, ovvero degli integratori alimentari realizzati prevalentemente con questo prezioso frutto ed ideati per venire incontro a diversi tipi di esigenze.

Veniamo allora al dunque: quali sono i benefici della papaya?

Questo frutto è anzitutto ricchissimo di antiossidanti, ovvero di sostanze che contrastano in maniera mirata i radicali liberi, e che dunque mantengono le cellule giovani e perfettamente integre.

La papaya ha anche un’azione proteolitica, utilissima per chi ha dei problemi di digestione: pare infatti che la papaya agevoli non poco l’apparato digerente nelle sue quotidiane attività di assimilazione dei cibi.

In particolare, inoltre, la papaya contiene la Papaina, un principio attivo che favorisce l’assimilazione delle proteine.

La papaya contiene inoltre numerose vitamine e sali minerali, senza dimenticare neppure il calcio, utilissimo per mantenere le ossa forti e per scongiurare la comparsa di patologie quali l’osteoporosi.

Alcuni benefici della papaya non sono ancora riscontrati dal punto di vista scientifico: sebbene infatti si sono verificati evidenti miglioramenti tra le persone che si sono nutrite con costanza con questo frutto, non si può escludere l’influenza di un eventuale effetto placebo.

Ad ogni modo, questo alimento è molto prezioso, ed i benefici della papaya sono davvero notevoli; mangiare questo frutto in abbondanza, inoltre, non può comportare alcun tipo di problema. (fonte www.viveremeglio.it

Le Vitamine per salvare la Memoria

“Mens sana in corpore sano”, scriveva Giovenale nel primo secondo dopo Cristo. Una frase che spiega come anche dall’antichità fosse sentito il rapporto fra una vita sana e una mente brillante. Una tesi confermata anche da numerose ricerche, che hanno anche evidenziato l’importanza di un’alimentazione corretta. Una recente ricerca realizzata dai ricercatori dell’Oregon Health & Science University di Portland dimostra come una dieta ricca di vitamine e omega 3 protegge il cervello dalle alterazioni tipiche dell’avanzare dell’età.

Tutte le vitamine hanno un ruolo importante per il funzionamento dell’organismo, dato che ogni carenza genera un deficit diverso nel corpo. Per mantenere sempre attive le funzioni del cervello, sono fondamentali le vitamine antiossidanti, come la C e la E, e tutte le altre, ognuno ha un suo specifico ruolo e si può trovare in alimenti differenti.

Vitamica C: potenzia il sistema immunitario ed è utile per la prevenzione delle malattie da raffreddamento. Ottime quantità si trovano nel kiwi, ribes, agrumi, rucola, broccoli e cavoli.

Vitamina E: è l’antiossidante per eccellenza, protegge dall’invecchiamento tutto il corpo, dalla pelle al cervello e abbassa i livelli di colesterolo. Si trova soprattutto nell’olio extravergine di oliva, nella frutta a guscio (noci, mandorle, nocciole e arachidi).

Vitamina D: favorisce l’assorbimento di calcio e fosforo e rafforza il sistema immunitario. L’organismo riesce a produrla da sé sfruttando i raggi solari: per questo occorre stare all’aria aperta, anche per pochi minuti, ma tutti i giorni. Non sono molti gli alimenti che ne contengono una quantità apprezzabile. Ne è particolarmente ricco l’olio di fegato di merluzzo, ma è presente anche nel salmone e nelle aringhe, nel latte e derivati, nelle uova e nelle verdure a foglia.

Il gruppo delle vitamine B: ha un ruolo essenziale per il buon funzionamento del sistema nervoso. I cereali integrali, i legumi, la carne, le verdure, il latte, le uova e la soia sono ricche di vitamine di questo gruppo. (fonte www.freshplaza.it)

I segreti per combattere l’Invecchiamento, Benessere, Bellezza e Salute

L’invecchiamento non dipende dalla nostra volontà, ma cosa significa esattamente? Esteriormente, la comparsa di rughe, i capelli diventano bianchi, la perdita di tono e compattezza dei muscoli e della pelle. All’interno del nostro organismo, il processo di invecchiamento comporta il progressivo deterioramento delle cellule celebrali, dei vasi sanguigni, di tutti gli apparati vitali. Per questo, se vogliamo mantenere a lungo tutte le funzioni tipiche della giovinezza, non solo la bellezza ma anche la salute ed il benessere, la parola d’ordine è prevenzione.

Quando lo specchio inizia a riflettere un’immagine di noi appannata, ingrigita, spesso inizia la spasmodica ricerca di cosmetici anti invecchiamento di farmaci miracolosi, di ritrovati che dovrebbero farsi ringiovanire. Non è certo questo il modo migliore per affrontare il problema. Il nostro aspetto esteriore altro non è che il riflesso di quello che avviene all’interno del nostro organismo. Ogni malessere o inestetismo ha una causa più o meno nascosta che va ricercata e contrastata. L’invecchiamento non si può né prevenire né combattere, ma si possono seguire delle corrette strategie che aiutano a trasformare l’inesorabile passare del tempo in un percorso di invecchiamento di successo.

Curare l’alimentazione

L’alimentazione è sicuramente uno degli strumenti più efficaci e, al tempo stesso più semplici, da usare per recuperare e mantenere più a lungo possibile uno stato di salute. Oltre agli aspetti energetici, oggi è possibile incidere, grazie agli alimenti cosiddetti funzionali, anche sull’espressione di patologie (metabolismo e non solo), laddove esistono livelli di suscettibilità aumentata, evidenziati attraverso specifici test genetici.

Imparare a muoversi con sicurezza ed efficacia.
Il movimento ha un peso determinante nel bilancio finale di un piano di salute ma deve essere svolto in maniera corretta, vale a dire secondo le caratteristiche e le potenzialità individuali, senza mai esagerare. Va bene un’attività fisica costante e moderata senza sottoporre il nostro corpo a sforzi eccessivi e controproducenti.

Imparare a gestire lo stress e le proprie emozioni
Lo stress cronico è il responsabile di molteplici effetti negativi sulla salute, andando ad alterare il corretto funzionamento di importanti sistemi vitali come quello endocrino, quello neurovegetativo e quello immunitario. Anche le funzioni cognitive ed emozionali del nostro cervello sono condizionate dallo stress.

Non dimenticarsi mai del padrone di casa, il nostro cervello
E’la cosa più importante che abbiamo e mantenerlo in buona salute è il miglior modo per invecchiare bene. Bisogna vivere emozioni positive e allenarlo con della vera e propria ginnastica mentale. Gli esami non finiscono mai e guai a farli finire, sono il modo migliore per mantenere attiva la memoria e le funzioni superiori.

Evitare qualunque tipo di abuso.
È importante non rinunciare a nulla, soprattutto se traiamo gratificazione da ciò che facciamo. Tuttavia, il nostro organismo, anche se possiede una grande capacità di recupero e di auto disintossicazione, non è una pattumiera. Evitiamo quindi di intossicarlo con un uso eccessivo di sostanze estranee e dannose. Non solo il fumo e l’alcool ma anche un uso eccessivo di farmaci, specie se in auto prescrizione possono solo intossicare il nostro corpo, consumando i sistemi di difesa in suo possesso. (fonte /www.mondobenessereblog.com)