Archivi tag: bacche di goji

Açai e Goji: le Bacche di Bellezza usate dalle Vip

acaiGoji e Açai: ecco le due bacche antichissime molto amate dalle star sempre alla ricerca di nuovi trend in fatto di bellezza e diete. Proprio queste bacche grazie alle tante sostanze benefiche che contengono sembrano essere in grado di far tornare in splendida forma tanto che molte vip tra cui Angelina Jolie, Kate Moss pare ne siano diventate delle assidue consumatrici.

L’Açai che è una bacca brasiliana è particolarmente energetica, è ricca di flavonoidi ed aiuta anche a combattere il colesterolo cattivo; possiamo trovarla in vendita anche in Italia in erboristeria.

gojiLe bacche di Goji sono ricche di antiossidanti e quindi pare abbiano un effetto antiage.
I tibetani le chiamano anche “frutti della vita” e ad Hollywood sono amatissime da Madonna, Liz Hurley e Kate Moss.

Cosa dire poi di Victoria Beckham? Lei ricorre ai semi di girasole. L’olio che si ricava dalla noce di cocco è invece molto amato da Jennifer Aniston: sembra sia in grado di far dimagire e far sparire il grasso in eccesso. Insomma un vero e proprio toccasana. Il Rooibos, un tè rosso invece sembra essere molto amato da Cindy Crawford; questo tè non contiene caffeina ed è in grado di stimolare la digestione.

(Fonte /www.mondobenessereblog.com)

Le Bacche di Goji aiutano le tue Difese

Questi frutti, orientali contengono elevate percentuali di zinco,  vitamina C, 
fibre e polisaccaridi che contrastano allergie e patologie degenerative

Il Lycium barbarum o Goji cresce spontaneamente nelle alte valli dell’Himalaya, in Mongolia e in Cina.
Oggi anche l’Occidente comincia a interessarsi a questo vegetale e ora del Goji si possono trovare anche le bacche essiccate, dal sapore che ricorda il mirtillo, o il succo, da consumare concentrato o diluito con acqua. 
Di recente i ricercatori dell’Università di Sidney hanno dimostrato la presenza di un potente antiossidante naturale contenuto nei frutti di Goji, che ha la capacità di proteggere l’epidermide dall’azione aggressiva dei radicali liberi e che possiede una notevole attività antinfiammatoria. Le bacche di Goji sono ricche anche di acidi grassi essenziali, principi importanti per la salute di cuore e circolazione,e pigmenti dermoprotettivi e neurotonici, come betacarotene, luteina e zeaxantina.  

Un aiuto nella prevenzione di tumori e Alzheimer

 Nel Goji sono presenti due importanti antiossidanti naturali: lo zinco e un’alta percentuale di vitamina C; in più queste bacche contengono quattro polisaccaridi bioattivi (LPB1, LPB2, LPB3, LPB4) capaci di attivare il sistema immunitario e renderlo abile nel distinguere tra cellule sane e cellule malate, soprattutto nelle patologie degenerative, come cancro e Alzheimer.

Non è tutto: perché i polisaccaridi, in associazione con le fibre presenti nelle bacche, hanno rivelato anche una buona attività probiotica, favorendo la crescita e lo sviluppo di flora batterica benefica a livello intestinale, che ha portato a un potenziamento della parete intestinale e una regolarizzazione della risposta immunitaria, chiamata in gioco nelle patologie allergiche.

L’insalata depurativa

Le bacche di Goji si possono gustare in insalata. Per 2 persone servono 2 tazze di riso integrale, mezza tazza di bacche di Goji, 3 tazze di foglie di spinaci, una tazza di piselli, 2 barbabietole, una tazza di fagioli bio, 300 grammi di petto di pollo tagliato a cubetti. I vari ingredienti devono essere già cotti, a esclusione delle bacche. Si mescolano riso, fagioli,bacche di Goji e piselli e si aggiunge un po’ di sale e di olio. In un piatto si dispongono le foglie di spinaci e, sopra, si dispongono il petto di pollo, le barbabietole a fettine e il mix di riso, piselli e bacche.

Il frullato rinforzante

Basta procurarsi una tazza di bacche di Goji, una di mirtilli, una di more, lamponi, ribes e una mela. Si frullano tutti i frutti e poi si aggiunge a piacere latte di soia o succo d’arancia. Si mescola delicatamente e si completa con una spolverata di cannella o di cacao amaro bio in polvere. La bevanda ottenuta è un portentoso antiossidante naturale, straricco di vitamine e minerali: l’ideale è gustarlo come merenda o sostituirlo di tanto in tanto alla colazione del mattino.

(fonte www.riza.it/)

La Frutta che contiene Potassio per una sana alimentazione

La frutta che contiene potassio è fondamentale per impostare una dieta corretta per tutti coloro che amano alimentarsi in modo sano. Il potassio è un elemento davvero importantissimo per il nostro benessere: la carenza di potassio, dovuta soprattutto a vomito prolungato, diarrea o a disturbi metabolici può portare stanchezza muscolare, nausea, disattenzione, ansia, sonnolenza ma anche gravi complicanze come l’aritmia cardiaca. Il potassio, come sottolineato anche da recenti studi dell’Università di Napoli, è molto importante per la funzionalità dei muscoli ma anche del cuore.

Un recente studio dell’Università di Napoli ha evidenziato come il potassio protegge il cuore e previene l’insorgere di malattie cardiovascolari.

Il potassio è comunque conosciuto dalla maggior parte delle persone per la capacità di proteggere i muscoli dai crampi. Sappiamo anche che, tra la frutta, le banane sono ricchissime di potassio come anche l’uva, l’avocado, la quinoa e le bacche di goji. Il potassio, fondamentale in una dieta equilibrata, è un minerale e costituisce circa il 5 % di tutti i minerali che fanno parte del nostro organismo: è anche fondamentale nel processo di sintesi delle proteine e degli aminoacidi. Il fabbisogno di potassio giornaliero, per gli adulti è di circa 3100 mg.

La frutta più ricca di potassio

Oltre alle famose banane, contiene molto potassio anche la frutta secca: mandorle e noci, ma anche albicocche e banana disidratata. Sono ricche di potassio anche le arance, le patate e il kiwi. Vi proponiamo quindi una utile tabella, che riassume i tipi di frutta più ricchi di potassio in cui indichiamo, di seguito, i mg di potassio contenuti in 100 gr di prodotto:

Albicocche, disidratate 1260
Pesche, disidratate 1229
Fichi, secchi 1010
Albicocche, secche 979
Pistacchi 972
Pesche, secche 950
Uva, secca 864
Prugne secche 824
Mandorle dolci, secche 780
Datteri, secchi 750
Castagne, secche 738
Mele, disidratate 730
Arachidi, tostate 680
Cocco, essiccato 660
Noci pecan 603
Anacardi 565
Nocciole, secche 466
Avocado 450
Olive nere 432
Kiwi 400
Castagne 395
Ribes 370
Noci, secche 368
Macadamia 363
Banane 350
Melone d’estate 333
Albicocche 320
Melagrane 290
Cocomero 280
Fichi 270
Pesche senza buccia 260
Mora di rovo 260
Cocco 256
Ananas 250
Mango 250
Nespole 250
Anona 250
Pompelmo 230
Ciliege 229
Feijoa 225
Lamponi 220
Mandarini 210
Prugne gialle 202
Passiflora 200
Arance 200
Uva 192
Prugne 190
Fichi-d’india 190
Loti o kaki 170
Babaco 169
Mirtilli 160
Mandaranci 160
Fragole 160
Guava 150
Albicocche, sciroppate 150
Litchi 150
Papaia 140
Limoni, succo 140
Limoni 140
Mele fresche – golden 132
Clementine 130
Pere fresche, senza buccia 127
Mele fresche senza buccia 125
Uva, succo, in cartone 120
Amarene 114
Pesche, sciroppate 110
Mele fresche – renette 105
Cocktail di frutta sciroppata 95
Ananas, sciroppato 79
Ciliege, candite 24

Gli alimenti più ricchi di potassio

Ed ecco invece tutti gli alimenti più ricchi di potassio, utili per integrare una dieta equilibrata. La quantità di potassio è qua di seguito indicata in mg per 100 gr di prodotto:

Salsa tomato ketchup 5901
Tè, in foglie 2160
Caffè, tostato 2020
Soia, secca 1740
Farina, soia 1660
Latte scremato 1650
Fagioli borlotti 1478
Fagioli cannellini, secchi, crudi 1411
Pepe nero 1260
Albicocche, disidratate 1260
Crusca di frumento 1160
Piselli, secchi 990
Lenticchie, secche, crude 980
Albicocche, secche 979
Pistacchi 972
Ceci, secchi, crudi 881
Farina di castagne 847
Germe di frumento 827
Prugne, secche 824
Minestrone liofilizzato 800
Mandorle, dolci, secche 780
Datteri, secchi 750
Acciuga o alice, sott’ olio 700
Arachidi, tostate 680
Prezzemolo 670
Patate, fritte 660
Fagioli borlotti, freschi, crudi 650
Lievito di birra, compresso 610
Noci, secche 603
Aglio 600
Patate, crude 570
Patate, arrosto 570
Patate, bollite, con buccia 570
Patate, cotte al microonde 570
Anacardi 565
Spinaci, crudi 530
Bresaola 505
Pollo, petto, senza pelle, saltato in padella 497
Frumento, duro 494
Pollo, sovracoscio, senza pelle, cotto al forno 488
Speck 484
Agnello cotto al forno 475
Salame, Brianza 473
Rughetta o rucola 468
Nocciole, secche 466 (fonte dieta.pourfemme.it/)

Il Succo di Goji, il tuo alleato per la Longevità!

Rimanere giovani è solo un sogno? Chi non vorrebbe restare giovane e sano, anche con l’avanzare dell’età? Se anche tu, come penso che sia, hai risposto “sì” a questa semplice domanda, ti consiglio di provare il succo di Goji. Il Goji è un vero elisir della giovinezza. Le più grandi coltivazioni di Goji si trovano nella regione Ningxia Hui, nella Cina del Nord. Dalle statistiche compiute si può affermare che in questa regione ci sono 16 volte più centenari che nel resto del paese e tutti in ottime condizioni.

Il Goji è l’ingrediente fondamentale della dieta quotidiana della popolazione cinese. Da questi dati puoi dedurre perchè queste piccole bacche sono conosciute come il “frutto della longevità”. Da dove derivano le proprietà anti-invecchiamento di cui gode il Goji? Il segreto sta nei suoi componenti principali. Mi spiego meglio. L’invecchiamento deriva principalmente, oltre che dal naturale scorrere del tempo, dai danni provocati al Dna. Durante il corso della nostra vita il Dna è attaccato e danneggiato dai radicali liberi, principali responsabili del processo d’invecchiamento. La presenza di radicali liberi nell’organismo è causata dai normali processi metabolici e da agenti esterni, come l’esposizione a radiazioni, il fumo, lo stress o l’inquinamento. Il nostro corpo, essendo sostanzialmente una macchina perfetta, è in grado di riparare autonomamente al problema dei radicali liberi. Ma, a volte, può ritrovarsi “oberato di lavoro”, non riuscendo più a ripulirsi da questi agenti. Questo avvia la morte prematura delle cellule sane e da il via alla formazione di varie malattie generative e mutazioni cellulari, che possono portare a problemi gravi come tumori. Come si fa ad evitare questi processi a catena? La soluzione sono gli antiossidanti. Gli antiossidanti sono molecole adibite a questo compito: attaccano i radicali liberi e li distruggono. Esistono in natura antiossidanti molto potenti, come vitamine, minerali e amminoacidi. Tutte queste componenti sono presenti nelle bacche di Goji. La bacca di Goji, pur essendo molto piccola, racchiude una quantità elevatissima di antiossidanti, tutti molto potenti. Ecco alcuni dei nutrienti fondamentali presenti ne Goji e la relativa funzione che svolgono nel nostro corpo:

  • vitamina C, che mantiene sano e ben funzionante il cuore
  • cisteina, come il precedente è un valido aiuto per il sistema immunitario e in più protegge il rivestimento dello stomaco
  • vitamina B2 (riboflavina), che favorisce la conversione dei carboidrati in energia
  • manganese, che protegge la pelle, la cartilagine e le ossa
  • zinco, che accelera la cicatrizzazione delle ferite, favorisce la fertilità, migliora la vista e il sistema immunitario
  • rame, che fornisce energia, stabilizza la funzione ormonale e protegge la pelle
  • selenio, che mantiene sano il fegato, protegge la tiroide e il sistema immunitario, e ostacola l’insorgenza di forme tumorali

Ogni singola bacca svolge tutte queste funzioni. Apporta consistenti benefici alle nostre cellule, ai tessuti, agli organi e a ciascuna componente del nostro organismo. Il Goji è il “miglior alimento antiossidante” attualmente presente in natura. Tutte le componenti che ho brevemente elencato sono presenti anche in altri frutti, molto più comuni, ma non sono combinate tra loro e non, sicuramente, nelle elevate quantità del Goji. Ecco perchè è così importante iniziare subito ad integrare la tua dieta con il succo di Goji. Quindi, per concludere… sì, è possibile rimanere giovani e sani.

Il nostro corpo funziona in termini di precisione e ci sono molti modi come le bacche di Goji possono influenzare le funzioni sane di ciascuna delle nostre cellule, tessuti, organi, e ciascuna del nostro sistema corpo.La cosa più importante è, possiamo trovare una buona soluzione in ogni po ‘di bacche di Goji prendiamo.

Qualora si stessero assumendo anticoagulanti è consigliabile chiedere il parere del proprio medico prima di assumere il goji.

 (fonte http://www.succosupergoji.com/   oknotizie.virgilio.it )