Rimedi contro le Scottature, dalla Crema all’Aloe ai Farmaci i consigli del Dermatologo

Rimedi naturali contro le scottature ne esistono di diversi ma come fa notare il dermatologo Lawrence E. Gibson su MayoClinic la migliore arma resta la prevenzione, anche perché quando il sole scotta il danno alla pelle ormai è fatto e si può solo lenire i sintomi ed accelerare la guarigione dei tessuti.

rimedi scottature solariInnanzitutto bisogna capire l’entità del danno. Quando ci scottiamo, infatti, notiamo immediatamente un diffuso rossore nell’area non protetta e più esposta ai raggi solari. Solitamente contrasta con il bianco pallido dell’area protetta da creme e vestiti. Inizialmente, però, non proviamo dolore. Prima di avvertire il bruciore tipico delle scottature e la sensazione di fastidio e dolore scatenata dal tocco della zona lesa possono trascorrere anche 12-24 ore.

Per guarire completamente ci vorranno diversi giorni. Per alleviare il disagio, Gibson consiglia di applicare impacchi freddi sulla scottatura, magari con un asciugamano inumidito, o fare un bagno in acqua fredda. Secondo passo consiste nel mantenere la pelle il più possibile idratata. Ottime per questo scopo sono le creme all’aloe, idratanti in profondità ma allo stesso tempo delicate. Meglio invece evitare le creme aggressive che contengono alcool per scongiurare il rischio di irritazioni ed abrasioni.

L’esperto sconsiglia anche i prodotti per il trattamento delle scottature che contengono anestetici, come la benzocaina. La loro efficacia non è del tutto provata e sono molto aggressivi. E se si formano delle bolle sulla scottatura? Non dobbiamo in alcun modo romperle, fa parte del processo naturale di guarigione della pelle scottata. Anche se sono antiestetiche, resistiamo alla tentazione di eliminarle, altrimenti potremmo anche peggiorare la situazione, andando incontro ad infezioni. Se necessario possiamo coprirle con una garza sterile.

Se sentiamo un forte bruciore e l’area scottata ci procura molto dolore, possiamo ricorrere ad un analgesico come l’aspirina. Con il passare dei giorni la pelle inizierà a staccarsi per fare spazio al tessuto rigenerato. Anche in questa fase dobbiamo continuare ad usare la crema idratante. Bisogna contattare un dermatologo se:

  • la scottatura solare è molto estesa e ha causato la comparsa di vesciche su gran parte del corpo;
  • la scottatura è accompagnata da febbre alta e forti dolori;
  • la pelle non accenna affatto a migliorare nei giorni successivi.

Gibson oltre a ricordare di usare sempre la protezione solare, anche in città ed in montagna, avverte che alcuni farmaci, come quelli contro l’acne a base di tetraciclina, possono esporre ad un rischio maggiore di scottature. Chi li assume deve stare il più possibile all’ombra, protetto anche da indumenti di cotone e crema solare con un fattore di protezione alto nelle aree scoperte.

(Fonte www.benessereblog.it)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...