Nardo e Basilico Difendono Cuore e Colon

Due oli essenziali da tenere sempre a portata di mano per prevenire gli scompensi cardiaci e quelli intestinali dovuti allo stress tipico del periodo

Per il cuore: col nardo attenui tachicardia, aritmia e respiro affannoso

nardostachys jatamansi "nardo"L’estate è ormai prossima e lo spettacolo della natura in fiore delle belle giornate di sole alimentano la voglia di vacanza, ma mancano ancora un po’ di settimane alle ferie estive, mentre gli impegni lavorativi, burocratici e familiari incombono. Capita allora che nei momenti di stress acuto compaia un senso di tensione e di oppressione al petto, con accelerazione del battito. Subito consultato, il medico fornisce un responso tranquillizzante: niente paura, si tratta di “nevrosi cardiaca”, termine con cui si indica un’attività cardiaca anomala, con tachicardia, extrasistoli ecc.
Che fare in questi casi? Quando lo stress disturba il cuore e blocca il respiro possiamo ricorrere all’ olio essenziale di nardo. Ricavato dal Nardostachys jatamansi, un’erba aromatica originaria delle regioni montuose dell’India settentrionale, il nardo indiano è presente fin dalla più remota antichità nei rituali medico-religiosi: ha un effetto a un tempo sedativo e tonico sulle somatizzazioni nervose a carico del cuore.

Applica l’olio essenziale di nardo sulle braccia

Versa 6 gocce di olio essenziale di nardo in un cucchiaio di olio di mandorle dolci, immergi la punta delle dita in questo unguento e – mattina e sera – fai un leggero massaggio all’interno delle braccia, partendo dalla punta del dito medio e risalendo fino a raggiungere il petto.

Per il colon: va calmato con il massaggio con l’olio essenziale di basilico

Con la voglia di estate che “contrasta” con le esigenze lavorative, è facile che compaia una delle più fastidiose somatizzazioni da stress: il rallentamento della peristalsi. La “pancia dura”; dovuta alla contrazione delle fasce muscolari addominali, intralcia infatti i movimenti peristaltici del colon, rallentandoli e producendo un’infiammazione che tende a cronicizzarsi. Un valido aiuto contro la “pigirizia” intestinale lo offre l’ olio essenziale di basilico. Il suo aroma caldo racchiude l’energia intensa del principio solare ed è un ottimo riequilibrante gastroenterico, perché l’azione che svolge sui sistemi nervosi centrale e autonomo lo rende davvero indicato per i disturbi addominali di tipo nervoso.

Usa qualche goccia di olio essenziale di basilico sull’addome

Alla mattina, prima di colazione, diluisci in un cucchiaio di olio di mandorle dolci 3 gocce di olio essenziale di basilico e massaggia l’addome fino a far assorbire completamente l’unguento. Ripeti per almeno 10 giorni.

(Fonte www.riza.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...