Archivi del giorno: marzo 11, 2012

I Semi di Lino

Il lino è una piantina con bellissimi fiorellini azzurri originaria dei paesi mediterranei dalle importanti proprietà!
Sin dall’antichità è usato non solo come alimento,ma anche per le sue fibre che possono essere tessute.

I semi di colore bruno contengono grandi quantità di lignani, potenti anticancerogeni e costituiscono la più ricca fonte conosciuta di un acido grasso essenziale della famiglia degli omega-3: l’acido alfa-linolenico.
Questi acidi grassi insaturi vengono utilizzati per scopi strutturali: entrano nella composizione dei tessuti e servono alla costruzione dell’organismo. Sono definiti anche essenziali poiché non possono essere sintetizzati dall’organismo, a differenza di quelli saturi. Sono indispensabili per l’apparato circolatorio, per il sistema nervoso, per l’artrite ed il reumatismo, per la pelle e per il sistema immunitario.
Questi acidi sono considerati vitamine ai quali è stata attribuita la lettera F. Sono la fonte principale e pressoché unica di vit F. Contengono inoltre vitamine B1 e B2 , Vit E, sali minerali, sono ricchi di mucillagini utili per la prevenzione della stitichezza e come impacco, utili per catarro, tosse ed anche in caso di reumatismi.

Secondo i ricercatori dell’Università del Texas, ai fini di combattere e prevenire il tumore alla prostata, è utile aggiungere i semi di lino alle insalate, ai succhi di frutta, nel pane e nello yogurt.

L’olio che si ottiene dai semi dovrebbe essere di provenienza biologica e spremuto a freddo. Essendo un olio facilmente deteriorabile, va conservato al fresco, non deve essere tenuto alla luce o lasciato aperto a contatto dell’aria. Non deve mai essere cucinato, lo potete usare per condire l’insalata, o un cucchiaio a crudo nel minestrone, ma il modo migliore è assumerne un cucchiaio prima di mangiare.

L’assunzione quotidiana di 1cucchiaio di olio di lino ci fornisce l’apporto giornaliero di acidi grassi insaturi (omega3), che il nostro organismo non può produrre da solo.

Le problematiche che derivano da un carenza di vitamina F sono tante ma possono essere divise in alcune grandi categorie:

  • Allergie: La vit F rinforza la pelle e le mucose.
  • Infezioni Recidive (chi si ammala spesso) :bronchite, sinusite, raffreddore, cistite, influenza. Il sistema immunitario è più fragile e la Vit F lo rinforza.
  • Malattie cardiovascolari:gli acidi grassi insaturi impediscono che il colesterolo e i grassi saturi si accumulino nel sangue. Utile in caso di ipercolesterolemia, flebiti, trombosi e infarto, sia a titolo preventivo che curativo.
  • Malattie degenerative:sclerosi multipla, poliartrite ecc. sono caratterizzate da una forte aggressione dei tessuti e da una scarsa capacità di difesa del sistema immunitario: l’olio aiuta ad eliminare e neutralizzare le tossine.

Contro la stitichezza:

Mettete due cucchiaini di semi di lino in un bicchiere colmo d’acqua, lasciate riposare per tutta la notte e bevete al mattino a digiuno. Oppure mescolate il lino allo yogurt, ricordate di bere molto perché i semi, per agire al meglio hanno bisogno di molta acqua.

I semi di lino sono davvero una risorsa importante che la natura ci offre, utilizziamola al meglio! (fonte oknotizie.virgilio.it)

Stress: Rimedi Naturali per combatterlo

E’, senza ombra di dubbio, il vero male che attanaglia l’uomo moderno, complici i ritmi frenetici della vita di oggi, i mille impegni quotidiani, le mille possibili responsabilità e tensioni: è lo stress. Per tenere a bada lo stress, mantenendo la dose di tensione e ansia sotto controllo, è possibile rivolgersi alla natura, scegliendo i rimedi a base di erbe, veri toccasana per ritrovare la serenità e l’equilibrio psicofisico.

La valeriana è l’alleato naturale perfetto contro lo stress, per distendere i nervi, sciogliere le tensione e ritrovare un po’ di pace. Si possono scegliere gli infusi a base di valeriana, disponibili in erboristeria anche in associazione con altre erbe dall’azione calmante, antidepressiva ansiolitica, come il biancospino. Per sfruttare al meglio tutte le proprietà tranquillanti e antinevrotiche della valeriana, in alternativa, è possibile scegliere al tintura madre.

Ottima come antidoto per lo stress e il nervosismo anche la passiflora, dalla benefica azione ansiolitica e rilassante. Una tisana a base di fiori e foglie di passiflora, facilmente reperibili in commercio, è la compagna migliore per la buona notte, da bere prima di addormentarsi.

Se la camomilla è famosa per le sue proprietà tranquillanti e calmanti, l’iperico è meno noto, ma molto efficace contro lo stress. Infatti, grazie alle sue proprietà ansiolitiche e antidepressive, l’iperico, da assumere sotto forma di infuso o di tintura madre, è il rimedio naturale perfetto per limitare il carico di stress, per scrollarsi di dosso ogni giorno il peso delle tensioni e degli impegni di tutta la giornata. (fonte www.tantasalute.it)

Le Merende di una Volta

Non solo per i bimbi, ma anche per gli adulti e in generale per tutti, la merenda, come anche la colazione, è un pasto di primaria importanza per garantire il giusto apporto di calorie e di elementi nutritivi.

Il problema,purtroppo, è dettato dallo stile di vita molto particolare che impone di stare sempre più tempo seduti e si finisce con lo sgranocchiare quasi per noia, qualsiasi cosa ci capiti sotto mano.

Ultimamante, poi, tra happy hour e aperitivi vari, si è perso l’equilibrio dei vari pasti. Ecco perchè sarebbe bene ritrovarlo.

Un’idea potrebbe essere tornare alle vechie abitudini, quando e merendine preconfezionate non esistevano e si poteva fare merenda in casa. Certo, oggi il tempo lo si trascorre fuori, ma anche in questo caso portarsi la merenda da casa non fa male, anzi, garantisce cibo squisito, sano e controllato.

Qualche idea? Tigelle, torte salate e dolci (purchè dalla ricetta molto semplice) oppure il classico e sempre valido pane e marmellata (magari biologica) per riscoprire i sapori dell’infanzia o perchè no, le ciambelline fatte in casa, magari all’aroma d’arancia, visto che siamo in inverno. Meglio evitare le creme di nocciola e cioccolato. Ottime si, ma troppo squilibrate nei confronti di grassi di pessima qualità.

Se invece si preferisce il salato, pane e olio oppure una focaccina (piccola). Anche qui evitare se possibile snack preconfezionati: troppo sale e additivi! (fonte www.tantobenessere.com)

La Prevenzione nel Piatto

Da un’indagine svolta qualche anno fa negli Stati Uniti è emerso che il 92% degli intervistati sa che fumare induce il cancro, ma che meno del 50% degli intervistati è a conoscenza che il 30% dei tumori è imputabile a una scorretta alimentazione.

Se oltre a smettere di fumare si imparasse a scegliere pasti più equilibrati, si eviterebbe quasi il 60% dei casi di cancro.
Senza contare che le buone regole a tavola giovano anche al sistema cardiovascolare, prevenendo ictus e infarti, e allungano la durata della vita.

La maggior parte dei dati epidemiologici provengono dagli Stati Uniti, dove l’alimentazione è particolarmente povera di frutta, verdura e legumi, elementi base della dieta mediterranea.

Purtroppo però anche nel nostro Paese stiamo abbandonando le buone abitudini a tavola, adeguandoci a uno stile più internazionale e adottando spesso gusti altrui.
Per esempio, nel Sud Italia, dove di tradizione regnano vegetali, olio e frutta, inizia a prendere piede l’abitudine del Nord di consumare molta carne.

Parte importante gioca poi l’influenza estera, di cui però scegliamo la parte meno sana (fast food) e scartiamo quella migliore, come il consumo di spezie, pesce e alghe.

Nel nostro rapporto con il cibo è andata persa la consapevolezza che l’alimentazione ha un forte valore terapeutico, in particolare con i vegetali e le piante, che per millenni è stata alla base della medicina tradizionale.  (fonte www.sanihelp.it)