Archivi del giorno: febbraio 17, 2012

La musica che rivoluziona la vostra salute

La musica è capace di scatenare emozioni diverse e contrastanti in chi l’ascolta. Dipende spesso dalla singola persona, dalla melodia e dai ricordi che questa scaturisce in ognuno di noi, ma esistono particolari canzoni in grado di agire come una sorta di medicinale.

Potrete scegliere la canzone giusta a seconda del vostro stato d’animo e della sensazione di cui avete più bisogno. Per farlo basterà affidarvi ad una curiosa e riuscita playlist di canzoni e delle precise emozioni che il loro ascolto regala. La lista in questione è stata redatta  da tre psicologi americani Galina Midlin,Joseph Cardillo e Don Durousseau.

I tre esperti hanno infatti scritto un libro dal titolo: “10 modi per cui la vostra musica favorita può rivoluzionare la vostra salute, memoria, organizzazione, attenzione e molto di più”. Ad esempio, se avete bisogno di rilassarvi e lasciare per un attimo le ansie delle vita le canzoni che dovrete ascoltare sono Imagine di John Lennon o Every Breath You Take dei Police, Here Comes The Sun dei Beatles, New York New York di Liza Minelli.

Queste agiscono come dei veri tranquillanti, con il vantaggio di essere composte da note musicali e non da prodotti chimici. Alcune ricerche dimostrano che la famosa “Imagine” ha un effetto gratificante sul nostro cervello paragonabile a quello della dopamina.

Viceversa se avete bisogno di una scarica di adrenalina per essere più grintosi le canzoni consigliate dagli psicologi sono quelle dei Rolling Stones, Pride degli U2 e quelle dei Black Eyed Peas. Queste sono in grado di accelerare il battito cardiaco, senza stimolarlo eccessivamente provocando ansia, cosa che invece causa un’altra melodia conosciutissima: quella di Psycho.

La terapia è pronta, la scelta delle canzoni dipenderà anche dai vostri gusti. (fonte www.tuttasalute.net)

Carenze di Magnesio: cause e conseguenze

La carenza di magnesio riguarda un italiano su cinque, ed è poco conosciuta e poco curata di conseguenza. Partiamo con il dire che il magnesio è un oligominerale, uno tra i più importanti nel corpo umano, ed è tra le altre cose responsabile del processo di trasformazione del glucosio in energia. Va da sè dunque l’intuizione che senza la giusta quantità di questo elemento nel sangue il corpo produrrà meno energia e di conseguenza tenderemo ad affaticarci di più per le cose più o meno importanti della giornata.

Il magnesio è tuttavia responsabile di altri innomerevoli processi metabolici essenziali, quali la stabilità elettrica cellulare, la trasmissione nervosa e degli impulsi muscolari, la formazione dell’urea, la sintesi delle proteine dell’acido nucleico.

Senza contare che viene coinvolto in reazioni che gestiscono anche l’ansia e lo stress, i dolori del ciclo mestruale e l’osteoporosi.

I sintomi di uno scompenso di magnesio nel corpo vanno dai più banali come nausea, vomito,diarrea,  crampi e dolori muscolari, ai più gravi, come tremore, insufficienza cardiaca, spasmi muscolari, confusione, sbalzi d’umore ecambiamenti di personalità, senso diffuso di ansia e perdita di coordinazione.
Le cause di tale deficit sono quasi sempre da riscontrarsi in una cattiva alimentazione. Tuttavia ci sono altri fattori che contribuiscono ad una diminuzione di tale elemento. L’eccessivo sforzo fisico e un allenamento sportivo molto intenso; un periodo di instabilità intestinale in cui il soggetto presenta dissenteria; lo stress eccessivo.

Inoltre ci sono situazioni patologiche. Nei diabeticiper esempio è stata riscontrata una minore quantità di magnesio, la qual cosa tra l’altro riduce l’effetto delle terapie a base di insulina. Altra possibile causa patologica può ritrovarsi nel cattivo assorbimento a livello intestinale di tale elemento.

Il magnesio lo si trova principalmente negli alimenti di origine vegetale (verdure a foglia verde, frutta seccalegumi, funghi, cereali integrali e banane).

(fonte www.viveremeglio.it)