L’Uva contrasta la perdita della Vista

Per alcune persone, mangiare uva da tavola può rallentare o prevenire l’insorgenza della degenerazione maculare legata all’età (AMD), una patologia debilitante che affligge milioni di persone anziane in tutto il mondo. Lo sostiene la Commissione per l’uva da tavola della California, citando un nuovo studio.

 

Secondo lo studio, condotto presso la Fordham University e pubblicato in Free Radical Biology and Medicine, responsabile di questi effetti protettivi è l’azione antiossidante dei frutti.

 
Finanziato dalla sezione di oculistica del National Institutes of Health e dalla stessa Commissione per l’uva da tavola, la ricerca ha confrontato gli effetti sulla vista di una dieta ricca di antiossidanti su popolazioni di topi inclini a sviluppare danni alla retina in età avanzata, in modo più o meno simile agli esseri umani. I topi sono stati nutriti con una dieta arricchita di uva, con una a base di luteina e una normale.

 

Lo studio ha scoperto che la dieta arricchita di uva proteggeva contro il danno ossidativo della retina e preveniva la cecità. Sebbene anche la luteina sia efficace, l’uva si è dimostrata ancora più valida.
“L’effetto protettivo dell’uva in questo studio è stato evidente, offrendo un chiaro beneficio per la protezione della vista negli anziani, anche se l’uva viene consumata solo in giovane età” ha detto Silvia Finnemann (nella foto accanto), capo del Dipartimento di scienze biologiche presso la Fordham University di New York.
 
La dott.ssa Finnemann ha spiegato che il suo studio suggerisce anche come la perdita della vista correlata all’età sia il risultato di un danno ossidativo cumulato nel tempo: “Una dieta prolungata arricchita di antiossidanti naturali, come quelli dell’uva, sembra essere direttamente vantaggiosa per la salute e la funzionalità della retina” ha scritto.

“Non stiamo suggerendo di mangiare ossessivamente l’uva, ma che nutrirsi durante la propria vita di antiossidanti naturali può fare la differenza per i cambiamenti dell’occhio umano nel corso del tempo”.

 
I suoi tre anni di ricerche hanno anche dimostrato che, per essere efficace, la dieta a base di alimenti ricchi di antiossidanti dovrebbe iniziare prima dell’età avanzata, preferibilmente da ragazzi o giovani adulti.
 
I topi che sono stati nutriti con porzioni a base di uva o ricche di luteina solo al raggiungimento dell’età equivalente ai 60 anni di un uomo non hanno invece mostrato miglioramenti della retina, ha continuato. “Una volta che i cambiamenti negativi sono avviati, potrebbe essere troppo tardi per invertirli”.
 

La AMD è una malattia degli occhi progressiva, che colpisce la zona centrale della retina, detta macula. E’ la principale causa di cecità negli anziani. Si pensa che il danno e lo stress ossidativo svolgano un ruolo fondamentale nello sviluppo della AMD. (fonte www.freshplaza.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...