La Stagionalità degli Alimenti

Oggi non è così scontato che i bambini e anche gli adulti, conoscano la stagionalità degli alimenti. Mentre nelle zone dove l’agricoltura è ancora viva e nei piccoli paesi i cicli della natura si conoscono, nelle città purtroppo questo non è sempre possibile.

La causa è il supermercato. Infatti mentre dal contadino che ti vende alla bancarella del mercato settimanale quello che cresce nell’orto, al supermercato durante l’anno puoi trovare veramente di tutto, anche i pomodori a gennaio.

Oggi l’uso delle serre riscaldate e del congelamento consentono di avere diverse varietà di verdure e frutta  non solo nella stagione di appartenenza ma anche nelle altre.
Ma perché è importante mangiare seguendo la stagionalità?

Principalmente per tre motivi:

Il contenuto di nutrienti

La verdura o frutta cresciute secondo la propria stagionalità contengono più nutrienti. Per esempio i pomodori cresciuti sulla sana terra (una terra non intossicata da diserbanti o rame) e non “pressati” da eccessivi trattamenti di sintesi contengono più vitamina C rispetto a quelli di agricoltura intensiva o peggio, quelli “di plastica” che trovi a gennaio al supermercato.

Inoltre alcune soggetti allergici ai pomodori non hanno nessuna reazione se mangiano pomodori coltivati con l’agricoltura biodinamica. Forse l’unica agricoltura che l’uomo dovrebbe praticare.

Energia e vitalità

I vegetali mentre crescono assorbono i raggi solari che “caricano” la pianta e suoi i frutti di energia. Quindi, oltre ai principi attivi, i vegetali ci donano energia solare e acqua biologica distillata, la migliore acqua che abbiamo a disposizione sulla terra.

La sintonia con la natura

Mangiare gli asparagi in primavera e le zucchine in estate ti sintonizza con i cicli della natura. E siccome la legge dell’alchimia recita così in alto così in basso e così’ dentro così fuori, seguendo i cicli fuori di noi, armonizziamo i nostri cicli corporei interiori. Ecco che siamo in simbiosi con il macrocosmo.

Adesso riporto, di seguito, la frutta e la verdura che madre natura fa crescere, suddivise per i dodici mesi dell’anno. Ovviamente i mesi sono variabili in base alla zona d’Italia in cui si coltiva. (fonte www.anptraining.net)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...