Archivi del giorno: novembre 15, 2011

Una Mela al giorno toglie il Medico di torno?

La mela è uno dei frutti più consigliati da dietologi e nutrizionisti nelle diete ed inoltre è famoso il detto: “una mela al giorno toglie il medico di torno”. Perchè? Prima di esaminare le caratteristiche nutrizionali di questo prezioso frutto è bene ricordare che esso è facilmente acquistabile in ogni periodo dell’anno, anche se la sua maturazione naturale avviene tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno.

L’effetto antiossidante della mela è molto elevato, in quanto contiene vitamine quali la A, la E e la C, oltre che la niacina, acido folico, flavonoidi e carotenoidi. Oltre che le vitamine, la mela ha un alto contenuto di pectine, che, se associate all’acqua, possono aiutare notevolmente la funzionalità intestinale. Inoltre è riconosciuto alle mele anche ottimo potere diuretico.

Appartenendo alle fibre, oltre che da “aiutanti” dell’intestino, le pectine riducono l’assorbimento di colesterolo ed in parte conferiscono senso di sazietà. Cosa c’è di meglio di una buona mela per il nostro spuntino pomeridiano? Anche perchè occorre evidenziare che una mela è facilmente trasportabile e la si può consumare in ogni luogo ed in ogni momento.

Molto spesso si dibatte sull’argomento buccia. Molti ne promuovono l’ingestione in quanto essa contiene molte delle proprietà antiossidanti e fibre sopraelencate. Altri sostengono che, a causa dell’uso diffuso di pesticidim non sarebbe salutare mangiarla. Personalmente credo che una buccia accuratamente lavata non porti gravi problemi al nostro organismo, come d’altronde i prodotti chimici usati in agricoltura, forse a volte, sono eccessivamente criticati.

Con buccia o senza buccia, non privatevi della bontà questo prezioso frutto. (fonte /www.alimentazione-salute.it)

La Salvia e le sue Proprietà Salutari

La salvia è un rimedio naturale per eccellenza. Non serve infatti solo per arricchire il gusto di alcune pietanze in cucina, ma ha vere e proprie capacità terapeutiche conosciute sin dall’antichità. Non a caso il suo nome: salvia, da Salvus, sano. Gli antichi Galli la consideravano capace di curare tutte le malattie, per i Romani era sacra ed anche per i cinesi era estremamente preziosa, ritenuta fonte di longevità. Nel medioevo veniva utilizzata per curare ferite difficili da cicatrizzare e prima ancora era usata per contrastare la tosse ed allontanare la febbre. Ed oggi? Ancora perdurano questi utilizzi?

Sì in generale, anche se si sono scoperte le sue vere proprietà salutistiche: è un potente antinfiammatorio, ha proprietà balsamiche, aiuta a contrastare i problemi di cattiva digestione e la tosse con catarro. In più aiuta ad alleviare i sintomi della sindrome premestruale, con particolare riferimento al mal di pancia e quelli della menopausa, a partire dalle “vampate”: è spesso considerata e definita come un “estrogeno naturale“, proprio per queste caratteristiche. Sembra inoltre sia in grado di tenere lontano il diabete e di combattere le gengiviti, pensate infatti a quanti dentifrici alla salvia esistono! Ho avuto modo di testarla per i dolori mestruali e posso garantirne l’efficacia, almeno in questo senso. E voi l’avete mai provata? Attenzione però perché ha qualche controindicazione: deve evitarla chi soffre di patologie nervose e le donne durante il periodo di allattamento. Come tisana, va usata per brevi periodi e l’olio essenziale è pericoloso. Insomma, anche con i rimedi naturali non c’è da scherzare. (fonte salute.pourfemme.it)