Archivi del giorno: novembre 4, 2011

L’Alimentazione corretta e sana favorisce anche la Salute del Cervello

Mangiare bene ed avere una dieta sana non è importante solo per la linea e la salute in generale ma anche per la salute del cervello. Lo sottolinea uno studio apparso su PLoS One in cui i ricercatori, guidati da Felice Jacka della Deakin University di Geelong (Australia),hanno dimostrato come una dieta sana, soprattutto negli adolescenti si accompagni anche ad un miglioramento della loro salute mentale. Sono anche stati compilati dei questionari da 3000 adolescenti australiani in cui hanno risposto a domande su temi come la loro alimentazione e il loro stato psicologico. Vediamo quindi cosa è emerso da questo studio che potrebbe davvero essere importante per il nostro benessere.

Lo studio è durato due anni e si è visto come, migliorano l’alimentazione, i ragazzi sono anche riusciti a migliorare il loro stato psicologico e le capacità mentali. Non solo la salute generale, ma anche la specifica salute del nostro cervello sarebbe fortemente influenzata dal tipo di alimentazione che seguiamo.
 
Lo sostengono anche gli esperti che hanno condotto questo studio importantissimo guidato dal dottor Felice Jacka della Deakin University di Geelong.

 
“Abbiamo scoperto che la qualità della dieta e la salute mentale sono collegate – dice Jacka -. Tre quarti delle malattie psichiatriche si manifestano prima dei 25 anni, e l’età media di insorgenza della depressione è 13 anni. Assicurandosi che la dieta degli adolescenti sia abbastanza nutriente, potrebbe essere possibile prevenire alcuni casi di depressione”.
 
Si tratta di uno studio importantissimo perché dai risultati è evidente come un’alimentazione corretta potrebbe anche essere impiegata per prevenire la depressione, che molto spesso di manifesta anche prim dei 25 anni. (fonte dieta.pourfemme.it)

 

Contro Infezioni Urinarie e Cistiti esiste un Farmaco Naturale: il Mirtillo!

Che il mirtillo fosse un frutto dalle molte virtù si sapeva, ma che infezioni urinarie, come ad esempio la cistite, potessero essere efficacemente prevenute semplicemente bevendo il succo di questa bella bacca dal caratteristico colore blu, è sicuramente una ulteriore buona informazione da prendere e mettere in tasca. A chi non piacciono i mirtilli? Pochissimi, lo so, allora mangiatene tanti per tenere lontani i batteri che aggrediscono le cellule epiteliali che rivestono l’apparato urinario, come il (solito) e tremendo batterio E. Coli.

Dotato di minuscole estremità uncinate, questo microbo si “attacca” ai tessuti, colonizzandoli (è proprio ciò che accade nel caso della cistite, che è una infiammazione delle pareti interne della vescica) e provocando un’infezione. Ma come scoperto dai ricercatori del Worchester Polytechnic Institute (USA), le proantocianidine, sostanze naturali bioattive contenute proprio nei mirtilli, sarebbero in grado di bloccare questo meccanismo di aderenza dell’E.Coli, che quindi non riuscirebbe più ad infettare i tessuti.
 
Dalla ricerca americana, pubblicata sulla rivista Food Science e Biotechnology, si evince che sarebbe soprattutto il succo di mirtillo, rigorosamente puro al 100%, ad agire sul batterio disinnescando la formazione delle colonie patogene sulle zone sensibili dei tessuti umani, come appunto le aree uro-genitali. Insomma, il mirtillo panacea di ogni male.
 
Sappiamo, da studi precedenti, che agisce positivamente sul cuore, rinforzandolo, e sulle arterie, che “ripulisce” dal colesterolo cattivo, e ora, veniamo a scoprire che è anche un formidabile antibatterico naturale. Approfittiamone per consumarlo, per bere tanto succhi, meglio se biologici, e per usarlo come ingrediente in mille preparazione, perché, evidentemente, sarà tutta salute… e gusto! (fonte salute.pourfemme.it)

Dieta Depurativa a base di Radicchio Rosso

La dieta depurativa è perfetta per eliminare le tossine e poi anche per aiutare un po’ il fegato, spesso sovraccaricato da uno stile di vita poco salutare. In questa stagione abbiamo davvero tanti prodotti depurativi. Oggi parliamo del radicchio rosso, che è un’insalata davvero piena di qualità. Il suo sapore leggermente amarognolo e questo colore intenso, rendono il radicchio un prodotto molto caratteristico. Il più delle volte però le persone tendono a mangiare per gusto e non conoscono minimamente le caratteristiche dei cibi che hanno nel piatto.

Il radicchio è ricco di sali minerali di vitamine. Infatti, contiene: potassio, fosforo, sodio, ferro, magnesio, manganese, rame, calcio, grandi quantità di vitamine. Ma c’è di più. È povero di calorie Inoltre, se inserito nella dieta quotidiana, il radicchio è un rimedio per le prime influenze stagionali.
 
Come abbiamo accennato è soprattutto un prodotto disintossicante e depurativo. Potete quindi scegliere di consumarlo come contorno (meglio se crudo, ma anche appena scottato sulla griglia va benissimo) o magari inserirlo in frullato. Se fate un mix di radicchio, mele, sedano e carciofo riuscirete ad alleggerire il fegato senza prendere dell’altro. Certo il sapore non è il massimo, ma vi assicuro che c’è di meglio.
 
Altrimenti potreste fare un risotto light. Usate solo un po’ di olio (zero burro) per il soffritto e poi inserite il radicchio e lo fate stufare con un goccio d’acqua. Aggiungete poi il riso e procedete con la cottura lenta (aggiungendo del brodo vegetale un po’ alla volta) fino al momento in cui potete servirlo. Prima di mangiarlo un cucchiaio a persona di parmigiano reggiano. (fonte dieta.pourfemme.it)

Gli alimenti per ridurre il Colesterolo nella Dieta Autunnale

Oggi vedremo insieme gli alimenti per ridurre il colesterolo nella dieta autunnale, quando si torna, un po’ per le temperature più basse, a mangiare alimenti più pesanti e più grassi. Se dovete tenere sotto controllo il colesterolo, cercate sempre di preferire alimenti come soia, mandorle, avena e orzo, che vi aiutano a ridurre il colestrolo cattivo e a controllare la linea. Consumate sempre cereali e derivati integrali, legumi, verdura e frutta, noci, mandorle, pesce, carni bianche, uova, latte e derivati magri, broccoli e aglio.

Cibi sconsigliati: evitate i cibi ricchi di grassi idrogenati, olio di palma e di cocco, ovvero gli “oli vegetali”, salumi e insaccati; il burro e i formaggi (con moderazione), fast food, troppi dolci, pane e pasta bianchi ecc. (fonte dieta.pourfemme.it)