Il sedano combatte la laringite

Mal di gola e raucedini tipici delle prime avvisaglie d’autunno possono essere sintomo d’una fatica a tornare nella routine: il sedano ci aiuta a prevenirle 

Il suo nome botanico è Apium graveolens ma a tutti è noto come sedano: questo ortaggio della famiglia delle Ombrellifere può essere a “costa” (è la varietà più diffusa), giallognolo o verde, oppure si può trattare del sedano rapa, una grande radice bianca e soda, dal sapore leggermente “piccante”, che si consuma grattugiata. Esiste poi una varietà di sedano selvatico, diffuso in particolare sulle coste del Mediterraneo, e ci sono anche un sedano nero originario di Trevi, nel Lazio, e un parente violetto, che si coltiva in Piemonte. Il sedano, conosciuto nelle cucine di tutto il mondo, è particolarmente adatto alla dieta di settembre per la sua ricchezza in vitamine (in particolare A, gruppo B e C) e sali minerali (soprattutto calcio, selenio, sodio e potassio) preziosi per ritemprare l’organismo coinvolto dallo stress fisico e psichico della ripresa post vacanziera.

Perchè mangiare un po’ di sedano tutti i giorni

– Tonifica il sistema nervoso, le ghiandole endocrine e in particolare le surrenali, e fa sentire meno lo stress

– Migliora i processi digestivi, peggiorati dagli ultimi caldi e dall’ansia tipica del periodo di ripresa pre-autunnale.

– Grazie all’abbondante contenuto di sodio, potassio e calcio, svolge un’azione rimineralizzante e rinforzante generale.

– Per la presenza di nitrati, favorisce la depurazione del sangue ed è consigliato contro i reumatismi, le coliche renali e le affezioni respiratorie.

Prova il sedano rapa: rinforza anche i polmoni

Il sedano rapa è un tipo di sedano la cui radice si ingrossa sotto terra fino ad arrivare a 15-20 cm di diametro. È una pianta con ciclo biennale che cresce nell’Italia settentrionale (e in particolare in Veneto) e si raccoglie da fine agosto sino alle prime gelate. È povero di calorie (solo 23 per etto) ma è una miniera di sali minerali disinfettanti: contiene infatti, oltre a sodio e potassio, anche zolfo e fosforo, vitamine B, C ed E e lecitina, che favoriscono il drenaggio polmonare ed epatico, con un’azione altamente rinforzante sugli anticorpi. Inoltre il sedano rapa normalizza le funzioni della tiroide e regola il metabolismo. È preferibile consumarlo fresco, grattugiato e condito con yogurt e olio extravergine d’oliva.

Come consumare il sedano

– Fresco: aggiunto a tocchetti alle insalate, o in pinzimonio, con olio extravergine d’oliva e aceto di mele: questo è il modo migliore per incamerare tutte le virtù curative del sedano, sia a costa che rapa. Ottima anche l’insalata che abbina il sedano ad altri ortaggi e radici autunnali depurative e rimineralizzanti.

Per 2 persone servono:

2 carote grattugiate, 2 rape piccole a fettine, mezzo sedano rapa grattugiato, un piccolo gambo di sedano a costa a tocchetti; si mescolano le verdure e si condiscono con un battuto di timo fresco (anti mal di gola) e olio d’oliva.

Come succo: il sedano è particolarmente indicato quando si sente che la gola inizia a “pizzicare”. In questi casi, si consiglia di bere, mattina e sera, un centrifugato rinforzante preparato con mezzo bicchiere di succo d’uva, mezzo bicchiere di succo di mela trasparente e mezzo bicchiere di succo di sedano. (fonte www.riza.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...